The style gate crea la consulenza bespoke.
La società fondata nel 2015 da Alessandro Maria Ferreri, ex Etro e Aeffe, accelera su omnichannel, e-commerce e digital marketing.
II rilancio del brand fiorentino di biancheria e pigiami Loretta Caponi, delle calzature Di Minno, ma anche il supporto delle startup più interessanti del panorama fashion attuale. Sono numerosi i progetti che Alessandro Maria Ferreri, per oltre 20 anni nel settore in ambito prodotto e commerciale, sta portando avanti con la sua The Style Gate, la prima società di operative advisory per il segmento luxury da lui lanciata nel 2015. Nata per fornire un’assistenza bespoke, l’obiettivo dell’azienda e da sempre quello di supportare i brand nella loro visione strategica. «Dal momento in cui ho deciso di tentare un progetto più imprenditoriale, dopo aver maturato esperienze in marchi come Jean Paul Gaultier, Etro e Aeffe, il mio focus e quello di fornire un aiuto su misura alle aziende, in materia di merchandising, strategia commerciale, branding, retail, franchising, e-commerce, digital marketing o competitor profiling», ha spiegato a MFF il ceo Ferreri. «In un mercato florido come quello di oggi, un advisor e una sorta di figura jolly. Permette flessibilità e impegna meno a livello di budget». A determinare la competitività di un marchio nel panorama di mercato attuale, Ferreri dichiara essere in primo luogo l’omnicanalità e la capacità di collegare le nuove dinamiche commerciali legate al web alla retail experience e al business offline. Ma non e tutto. Ferreri e stato anche it primo imprenditore ad avere l’intuizione di rendere l’olio e gli aceti prodotti di appeal per il mondo della moda. Attraverso la società olearia di famiglia, il manager ha infatti lanciato When food meets fashion, un programma che gioca sulle private label permettendo a designer come Jacqueline Morabito, o più recentemente Dean e Dan Caten di Dsquared2 per it loro ristorante Ceresio 7, di disegnare e personalizzare stagionalmente le bottiglie. Non sono mancate collaborazioni anche con Swarovski e Carla Sorzani e partnership nell’hotellerie con Armani e Bulgari e con Palazzo Versace a Dubai.